Cerca
Toggle location

Le nostre radici riportano a un passato lontano più di 100 anni, riportandoci ad importanti realtà consulenziali quali Arthur Andersen e KPMG.

Nel 1913 Arthur Andersen aprì la sua società di revisione a Chicago. Nel corso dei decenni che seguirono, Arthur Andersen fece crescere non solo il business legato alla revisione contabile ma, soprattutto, a partire dagli anni Settanta, i servizi di consulting. Agli inizi degli anni ’90, Arthur Andersen rappresentava la principale realtà di management consulting al mondo.

Nello stesso periodo, KPMG creò la propria divisione di business consulting. Nel 2000 KPMG spostò alcune delle sue divisioni nello spin-off KPMG Consulting Inc. e nel 2001 la società fu quotata al NASDAQ. La società iniziò una veloce espansione a livello globale acquisendo la maggioranza delle attività di business consulting di Arthur Andersen nel 2002. In quello stesso anno cambiò il suo nome in BearingPoint Inc. quotandosi presso il NYSE.

Seguì un periodo di forte crescita, che si arrestò con il sopraggiungere di alcune difficoltà a livello finanziario portando all'applicazione del Chapter 11 per le operazioni condotte da BearingPoint Inc. negli USA nel 2009. Questo momento molto difficile fu all’origine di una svolta decisiva tra i leader europei che scelsero allora di procedere con un'operazione di Management Buy Out (MBO), dando così vita ad una partnership indipendente a cui ancor oggi siamo orgogliosi di appartenere.

La nostra nascita

Nell’agosto del 2009, i nostri partner fondatori ratificarono il contratto che ci ha portati a diventare quello che siamo oggi: una società indipendente focalizzata in Management e Technology consulting, profondamente impegnata nel garantire ai nostri clienti ed ai nostri partner un successo ed una solidità di ampio respiro.

C’erano importanti presupposti alla base dell’operazione di MBO. Molti di noi lavoravano già insieme in Europa all’interno di BearingPoint Inc. Le nostre radici infatti affondano nei più importanti player dell’arena del Management Consulting e questo si aggiunge ai nostri punti di forza contribuendo al nostro carattere distintivo. BearingPoint emerse come nuova azienda indipendente con una lunga storia ed una capacità di comprendere come fornire un servizio di qualità, essere al fianco dei propri clienti e operare in piena efficienza. Possiamo vantare un ampio spettro di esperienze e competenze tra loro molto differenziate che ci permettono di capire come sia meglio muoversi per raggiungere anche gli obiettivi più sfidanti. In estrema sintesi, potevamo definirci una solida start-up.  Sin dal primo giorno abbiamo fatto tesoro della nostra sostanziosa eredità in questo settore valorizzando gli elementi di forza del nostro passato nel percorso verso l’eccellenza.

Il cuore pulsante e l’anima della nostra società, il nostro brand, i nostri valori e l’essenza del nostro progetto – chi siamo, in cosa crediamo e perché siamo qui – questi sono gli elementi che non cambiano mai in un mondo in continua evoluzione. Tutto ciò è stato messo in discussione e definito in quei primi giorni.

Lo sviluppo dopo l’MBO

A seguito dell’operazione di Management Buy Out abbiamo salpato verso nuovi orizzonti aprendo uffici in Cina, Repubblica Ceca, Italia, Portogallo, Singapore, UAE e negli States. Queste scelte rientrano nella strategia di espansione nei paesi del G20 e, più in generale, per una copertura più estesa a livello globale. Abbiamo stretto alleanze strategiche con West Monroe Partner in America del Nord, con Grupo ASSA in America latina e ABeam in Asia.

Abbiamo quindi rafforzato i punti cardine della nostra strategia con una serie di acquisizioni mirate, tra cui: LCP Consulting, leading firm specializzata nella consulenza in supply chain management; Magenta, realtà di matrice scandinava specializzata in consulenza nel settore Digital; Trinity Horne, consulting firm con focus in ambito operational performance; RiValue, società tedesca specializzata in risk management e soluzioni di reporting.

Inoltre, abbiamo disegnato una roadmap per la nostra crescita che portasse alla riorganizzazione della nostra azienda creando una struttura basata su tre pilastri sinergici: Consulting (con service line “Digital & Strategy”, “Finance & Regulatory”, “Operations” e “IT Advisory”), Solution e Ventures. Abbiamo connesso la nostra offerta con le iniziative “Go Digital”, potenziandone la spinta innovativa per accelerare l’ingresso o lo sviluppo dei nostri clienti nei rispettivi mercati. Abbiamo continuato quindi ad investire fortemente nella crescita di questi asset in modo che la nostra offerta potesse continuare ad essere differenziante nelle varie industry.

Le nostre Soluzioni si articolano su tre linee di servizi: Regulatory Technology (RegTech), Digital Transformation e Advanced Analytics. RegTech, con l’Abacus Solution Suite, ha registrato una significativa diffusione su scala internazionale, anche fuori dai confini europei. Per sviluppare ulteriormente la nostra offerta nel campo degli Advanced Analytics, abbiamo acquistato nel 2012 HyperCube, uno dei maggiori player nel settore dei business analytics software. A livello di Digital Transformation le nostre soluzioni di consulenza abbracciano anche l’implementazione della soluzione software pluripremiata Infonova R6, rivolta inizialmente al settore telco, ed estesa poi a tutti i mercati che permettono l’erogazione di servizi digitali facendo leva su modelli di business “platform based”, nella logica di Digital Ecosystem Management (DEM). Nel 2017 Infonova entra a far parte del brand BearingPoint.

Per scoprire di più sulla nostra Partnership, il nostro progetto, il nostro brand e la nostra cultura, visita http://ourjourney.bearingpoint.com.